Elezioni? Europa, cercasi democrazia.

Interessante manifesto.

“non è possibile un euro senza vera unione economica, ovvero un’armonizzazione dei budget, fiscale e sociale”

“tale politica comune deve assolutamente essere concordata in modo democratico, e non essere un’imposizione dall’alto”

“bisogna dire chiaro e tondo che tutti hanno da perdere da un fallimento dell’Unione, ma prima di tutti la Germania”

“non possiamo più permetterci di ignorare i problemi, e andare avanti con soluzioni di breve respiro; serve un coraggio visionario”

Firmato, un gruppetto di ribelli esaltati e fuori dalla realtà? No: i rappresentanti di popolari, socialisti e liberali. Ovvero, tutti. Tutti i maggiori gruppi.

Nel 2011.
È cambiato quacosa?

Direi che illustra perfettamente quanto l’Europarlamento sia inutile attualmente…

Ah, a proposito: due su tre dei firmatari sono di nuovo candidati.

E, già: i loro partiti si sono già messi d’accordo; comanderanno ancora loro. In modo del tutto trasparente, nel senso che in effetti l’accordo è pubblico. Ma i popoli d’Europa adorano le grandi coalizioni senza alternative, no?

Già, quali sono le alternative per noi?

…quelle che immaginate. Secondo i sondaggi, supererebbero lo sbarramento del 4%

PD [PSE - socialisti] 34,2%

M5S 22,7%

Forza Italia [PPE - popolari]19,6%

Lega Nord 5,0%

NCD/UDC [PPE - popolari] 6,0%

Altri hanno qualche chance

Fratelli d’Italia-An 3,5%

Scelta Europea (Scelta Civica – Fare per Fermare il Declino) [ALDE - liberali] 3,1%

L’Altra Europa con Tsipras 3,0%

Altri partiti 2,9% …in cui c’è un po’ di tutto.

Ironicamente, l’Idv ha un programma niente male, se gli perdoniamo un certi populismo …ma viaggia attorno allo 0,8%.

Oppure, una valida alternativa potrebbe essere il Movimento Bunga-Bunga, immagino. Vabeh…

Chissà. Ho trovato il dibattito (qui un riassunto in italiano) tra i due principali candidati,  popolare e socialista

Differenze ce ne sono certamente, in teoria. Basterà?

Pubblicato in Notizie e politica | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Server distribuiti

Credete che i Bitcoin abbiano smesso di stupire? Come moneta, il loro futuro continua ad essere incerto. Come ispirazione per nuove prospettive all’utilizzo di internet, non sono mai stati così fertili.

Con i bitcoin, si possono trasferire soldi su internet in modo allo stesso tempo facile, economico, (relativamente) veloce, e sicuro.

Ma trasferirli a chi? Le nuove possibilità aperte sono, in buona parte, vasi di Pandora. Sembra strano, ma per esperienza personale, resta sempre utile ricordarlo: non è il caso di fidarsi di sconosciuti su internet! (e invece)

Eppure, il Bitcoin è costruito apposta per non richiedere fiducia. Nessun intermediario, che potrebbe essere malevolo: solo codice. Purtroppo, però, questo vale solo per l’unica cosa che fa: trasferire denaro.

Enter Ethereum, un analogo del Bitcoin, ma per fare …tutto! Tutto ciò che può fare un programma.

Essenzialmente, crea un hosting distribuito -con un sistema di pagamento integrato.

Crei un programma, lo pubblichi… e quello resterà. È copiato nel database distribuito, in un numero enorme di copie. Non è più nel tuo controllo -se non nei modi che il programma stesso permette; che possono essere controllati in anticipo da tutti. Ovvero: chi spedisce soldi può fidarsi che saranno gestiti sempre secondo quell’algoritmo.

Le possbilità sono letterlmente infinite. Denaro intelligente. Un esempio: puoi replicare le misure di sicurezza di un conto corrente!

Suppose that Alice wants to keep her funds safe, but is worried that she will lose or someone will hack her private key. She puts ether into a contract with Bob, a bank, as follows:

  • Alice alone can withdraw a maximum of 1% of the funds per day.
  • Bob alone can withdraw a maximum of 1% of the funds per day, but Alice has the ability to make a transaction with her key shutting off this ability.
  • Alice and Bob together can withdraw anything.

Normally, 1% per day is enough for Alice, and if Alice wants to withdraw more she can contact Bob for help. If Alice’s key gets hacked, she runs to Bob to move the funds to a new contract. If she loses her key, Bob will get the funds out eventually. If Bob turns out to be malicious, then she can turn off his ability to withdraw.

E, attenzione: mentre oggi è la banca a decidere che non puoi spendere più di X al giorno, qui sei tu ad avere il completo controllo! Puoi decidere di poter ritirare 314€ al giorno. O, se sai che non ti servirà altro, per il massimo della sicurezza (o dell’autodisciplina, o della fiducia del partner magari?) puoi restringere i pagamenti secondo le tue esigenze. Solo la domenica. O solo verso alcuni indirizzi/ad esclusione di alcuni indirizzi. You decide!

Sul loro sito, i creatori illustrano le prime tra le altre più interessanti possibilità che vengono alla mente, tra cui:

Non è meraviglioso?

Dai, deve avere un difetto. …in effetti, ne ha due.

Uno: qualunque cosa prometta sicurezza, sarà abusata. Brutte sorprese accadranno.

Ma non per questo vietiamo le cinture di sicurezza: potrebbero permettere di essere più incauti alla guida, e tuttavia comunque la loro utilità è enorme.

Due… non esiste. Non è detto non esista in futuro: è semplicemente un progetto; non ho trovato un prototipo funzionante. Ma sta progredendo.

Se volete, potete iscrivervi alla newsletter per essere aggiornati sugli sviluppi (io l’ho fatto) Oh, e se siete impazienti …potete contribuire! ;)

Vorrei davvero vedere il giorno in cui questi sistemi saranno comuni.

Pubblicato in Computers and Internet | Contrassegnato , , | Lascia un commento

LOOOOOOOOL – ovvero, Windows XP

Se tutta l’esperienza Windows fosse così -credo lo userei …semplice, ma è pensato proprio bene dal punto di vista dell’utente.

Si vede che non ne possono davvero più neanche loro:D

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Unfortunate Google employee forced to wander alone on eerie abandoned island for Street View photos

francescodondi:

Avevo adorato VICE per il suo reportage su questo bizzarro posto.
Poteva Google essere da meno? Ovviamente no.
(ecco un buon motivo per tenere in ordine la stanza: un giorno ci ritroveremo mappata anche quella)
[a proposito: google ora può produrre una flotta di droni che volano per anni, ad energia solare; ovvero possono arrivare essenzialmente ovunque. Così.]

Originally posted on RocketNews24:

gunkan4

Google Street View seems to have its priorities all out of whack. While only just getting around to snapping the more remote areas of mainland Japan and having yet to cover the majority of Canada, Google sent out one intrepid employee to explore the completely abandoned Japanese island of Gunkanjima.

View original 224 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La matematica, in concreto

Matematica

Questo è un clone del famoso 2048. Sembra uguale ma non è. Se la versione 3D aggiunge una dimensione proponendo tre scacchiere 3×3 affiancate, e permettendo di passare dall’una all’altra come se fossero impilate a formare un cubo 3x3x3, questa offre le quattro sezioni 2×2 …di un ipercubo 2x2x2x2!

Questa mi pare la più bella illustrazione, finora, dello spirito con cui la Matematica guarda alla realtà.

Potete immaginare il cubo della versione 3D: prendete le tre scacchiere e le sovrapponete. Se fate questo, vedete in poco tempo che le regole con cui i blocchi passano dall’una all’altra sono, in effetti, proprio quelle che osservereste se fossero effettivamente le sezioni di un cubo. Fin qui, tutto bene.

E …4D? Qui (a meno di essere un professore di Geometria) non potete immaginare la forma completa. Pensandoci, al più, vi rendere conto che sono due cubi, uno sopra ed uno sotto (o uno a sinistra e uno a destra?). Ma, questi due cubi sono due solo sezioni tridimensionali di… di un qualcosa, di un unico oggetto che nel nostro mondo non ci sta.

Ma.

È un problema? Provate a …giocare. Non è immediato, ma… è molto più facile che immaginare dove stai effettivamente giocando.

A manda la metà destra a sinistra, D la sinistra a destra, W da sotto a sopra, S da sopra a sotto.Ogni volta, ogni casella va (o prova ad andare) in quella corrispondente della scacchiera nella direzione scelta.

Non serve altro.

Questo è il punto dello studio. Una volta estratte le regole di un sistema -si può ragionare sulle regole. E, se il sistema è complicato, questo risulta molto più facile che non immaginare “concretamente” il mondo in cui ci si sta muovendo. Saperlo fare è sempre un plus (e spesso semplicemente bello); ma il più delle volte, è una complicazione -di cui si fa a meno!

Immagine | Posted on di | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Zio Paperone spiega a Paperino la bufala del “reddito di cittadinanza”

francescodondi:

Un tantino romanzata, ma neppure troppo. Un’eccessiva immissione di denaro distrugge davvero l’economia. Che poi sia effettivamente un argomento sufficiente contro un reddito minimo garantito proporzionato cum grano salis, questo è un altro paio di maniche…

Originally posted on An Eclectic Life:

Lo dico da anni che i fumetti di Paperino della Walt Disney, e in particolare I Classici, sono sempre molto istruttivi. Nella libreria di casa, di fianco ai testi di acclamati economisti quali Krugman, Bagnai, Zingales, Rinaldi etc, conservo anche i Classici di Walt Disney.

***

Con l’affermarsi in Italia del Movimento 5 Stelle si è anche un po’ diffusa la convinzione della necessità di fornire un “reddito di cittadinanza” a tutti gli italiani (suppositamente tra coloro in qualche modo definiti poveri), in modo che sia possibile vivere in maniera dignitosa ed affrancarsi finalmente dalle pene lavorative.

Molti anni fa persino un fumetto come Topolino aveva affrontato l’argomento: ne proponiamo la versione tradotta ai nostri lettori.

***

Buona lettura.

PaperonDePaperoni01-Ita-small

PaperonDePaperoni02-Ita-smallPaperonDePaperoni03-Ita-smallPaperonDePaperoni04-Ita-smallPaperonDePaperoni05-Ita-smallPaperonDePaperoni06-Ita-smallPaperonDePaperoni07-Ita-smallPaperonDePaperoni08-Ita-smallPaperonDePaperoni09-Ita-smallPaperonDePaperoni10-Ita-small

View original

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Did I mention I love the Internet?

Sotto il video in cui Rapunzel racconta la sua vita di prigioniera

Screenshot from 2014-03-31 20:08:32

Disney… pleeeeease! :D

(sarei quasi disposto a pagare i 13€ che chiedi su Google Play, per vedere una storia così)

Pubblicato in Computers and Internet | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento