Il mio secondo sonetto caudato!

Leggi illegali e fiducie infide

e il semicerchio che giammai non quadra

gridaron tutti in coro: “Volpe ladra!”

alla gallina che, fuggita, ride.

 

Perciò la talpa piange, ché non vide

la mortadella rovinar leggiadra,

ed il caviale che furbo la squadra

e con la scatola l’attico uccide.

 

Però i pianeti col loro corteo

spingono per chiedere un posto al sole,

ma a ciascun l’astro dice: “Marameo!”.

 

Ogni formica regina esser vuole,

l’un l’altra sempre urlandosi: “Plebeo!”.

Del formicai che crolla niun si duole.

 

Molto sotto le suole

ha nostra madre l’umor stamattina,

ed io ho pure finito la mina!

Vediamo se riuscite a capire cosa vuol dire: vi sfido a farne la parafrasi!

Annunci

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...