Gelmini-quater

E così, la protesta ce l’ha fatta: è stata abbastanza forte da conquistarsi durevolmente le pagine dei giornali, e l’attenzione del pubblico.
Berlusconi è dovuto scendere personalmente in campo per parare il colpo: e da volpe vecchia qual’è, ce l’ha fatta.
Vedete voi infatti l’apertura a qualche dialogo costruttivo? No, qualche dato tutto da verificare basta, rigirato per bene, a dimostrare che i dimostranti sono tutti o scioperati o strumentalizzati, ed che inogni caso non hanno capito niente.
E poi: "manderò la polizia nelle scuole!". Inaudito: a quanto ne so, gli ultimi a regire ad una protesta studentesca in modo così intransigente avevano gli occhi a mandrla… ma probabilmente non se ne farà niente. Perchè? Beh, perchè lo scopo principale lui l’ha decisamente raggiunto: ha deviato l’attenzione dal problema. Se l’argomento di discussione, infatti, diventa la disputa sul fatto che sia più o meno illegale l’occupazione, o su quale sia la percentusale di studenti che dissentono dalle proteste, si possono spendere fiumi d’inchiostro senza minimamente analizzare la riforma in se. Furbo, no?
Ad uno che dichiara: "avete quattro anni e mezzo per farci il callo [ai miei metodi], perchè io non recederò di un millimetro", e per di più si vanta che "da studente non ho mai manifestato, ero uno studente esemplare" (come se l’una cosa implicasse l’altra, a prescindere) non posso fare che una cosa: dedicargli una poesia. 
 
 
 
I met a traveller from an antique land

 
who said: "Two vast and trunkless legs of stone
 
stand in the desert. Near them on the sand,
 
half sunk, a shattered visage lies, whose frown
 
and wrinkled lip and sneer of cold command
 
tell that its sculptor well those passions read
 
which yet survive, stamped on these lifeless things,
 
the hand that mocked them and the heart that fed.
 
And on the pedestal these words appear:
 
`My name is Ozymandias, King of Kings:
 
look on my works, ye mighty, and despair!’
 
Nothing beside remains. Round the decay
 
of that colossal wreck, boundless and bare,
 
the lone and level sands stretch far away.

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...