vicinanza

Oggi a mensa, a pochi tavoli da noi, c’era un gruppo di tre ragazze difficile da non notare -una in particolare, d’aspetto almeno, da favola direi. Inutile dire, che non mi sarebbe affatto dispiaciuto avere una scusa qualsiasi, per alzarmi e sedermi a quel tavolo… e giusto mentre così riflettevo, un ragazzo viene, le saluta, e si siede accanto a loro.
Eppure: eppure ben presto, mi sono sorpreso a pensare che forse, non avrei voluto affatto essere lui. Lo coinvolgevano, è vero, nella loro conversazione; ma quando parlavano invece tra loro, mi pareva le guardasse con sguardo accigliato e distaccato. E anche quando si rivolgevano a lui, rispondeva senza grande entusiasmo,  tendendo anzi a dondolare la sedia all’indietro (da noi scorrono in orizzontale), quasi a non accorciare troppo la distanza. Forse, ho pensato, era di quel tipo di amici che servono a fare confidenze. Ed aveva passato notti con loro, si, ma a a parlare di Alessandro, Fernando, Roberto… e sapeva tutte le storie, e le avventure, e i casini di quelle ragazze, ma anche, con solo un fondo di rimpiarto, ormai, che di quelle storie non ce ne sarebbe stata mai una sua.
Annunci

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Notizie e politica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...