vieni via con me

Così, finalmente, ieri sera ho visto il programma del momento: “Vieni via con me”.

Devo dire, che non ero certo che mi sarebbe piaciuto. Questa cosa delle liste mi sembrava piuttosto bizzarra, ma soprattutto: è pur sempre un programma di intrattenimento. Tra il mare di applausi e quello di fango, avevo trovato anche il commento di Travaglio che misuratamente, gli dava atto, sì, dei buoni intenti; lo accusava però di non essere incisivo davvero, e di parlare troppo delle icone del passato tralasciando un presente non meno drammatico:  “da Saviano ci si attende che parli dei vivi, non dei morti già santificati”. E anche molti suoi lettori avevano commentato che è si tutt’altra cosa dalla “tv di regime”, però, diluita per il pubblico più vasto, non era più nulla di interessante per chi informato lo è già. E del resto: si può davvero fare il pieno di ascolti -battere perfino il mostro sacro del Grande Fratello- facendo un’informazione ai più alti livelli di serietà e qualità?

SI, è la risposta che ho trovato ieri sera. Saviano è stato magnifico. Forse gli appunti di Travaglio sono stati uno sprone -perché non si poteva chiedere di meglio: incisivo, e attualissimo. Eravate convinti, vero, che la spazzatura di Napoli fosse, tutto sommato, un problema loro? Le parole di Roberto colpiscono come un pugno allo sterno: il dramma Napoli, è solo quello che si vede… il bubbone puzzolente della cancrena di un Paese intero. Forse questa sedia, questo tavolo, questo computer da cui vi scrivo -forse quelle sedie, quel tavolo, quel computer da cui ora voi mi leggete, hanno lasciato anche loro la loro piccola traccia di morte in qualche campo, in qualche strada, in qualche scuola, laggiù. E, si: anche se vengono da Brescia.

E però -neppure ci ha lasciato soltanto con il ritratto di un’Italia disperata e incapace di ribellarsi… anzi. La storia di Don Giacomo Panizza, è veramente di quelle che aprono il cuore. (tanto più perché, fino a ieri, completamente sconosciuta… e come questa, chissà quante altre; quanti piccoli immensi eroi silenziosi ancora compiono veri e propri miracoli in mezzo alla disumanità e al degrado)

Eppure. Dai, qualche appunto non si può non muovere… lasciate fare un elenco anche me.

  • “E ora, qualcosa di completamente diverso” -questa è un’impressione che ho avuto più volte.  Tantissimi i temi trattati, la mafia è solo primus inter pares: gli elenchi spaziano dall’immigrazione al corpo delle donne, e poi la disabilità, e Stefano Cucchi, e e. Temi importanti, che meritano senz’altro spazio sulla Tv pubblica.  Ma, se vogliamo fare in 4 serate un riassunto di tutto ciò che in una vera televisione si dovrebbe parlare, rischia di essere, appunto, un riassunto.
  • Maroni. Ora: no, non penso che non sarebbe dovuto venire. Anzi; la mia critica è tutt’altro. Non capisco la battuta di Fazio “allora se io non sono soddisfatto di come lei fa il ministro, posso venire a farlo io tre giorni?” Totalmente fuori luogo: un ministero deve fare le cose, e ci vuole un indirizzo preciso; la televisione deve raccontarle, perciò la pluralità è fondamentale… lui, dovrebbe saperlo! Ma quello che più mi ha sconcertato… è che questo sia stato il massimo dell’incisività. La frecciatina. Due compagni di scuola che si stanno antipatici, e si punzecchiano ma educati, perché li guardano i genitori. Ma -cazzo, stiamo parlando di cose serie, o no? C’è Saviano che accusa il potere politico di collaborazione con la mafia. Cinque minuti dopo -sullo stesso palco, stesso pubblico, soprattutto, stesso presentatore- c’è Maroni che fa il santino di un governo immacolato, che la mafia la sta sconfiggendo. Precisiamo: meglio che niente. Meglio della verità a senso unico, fosse anche la verità vera: sempre, comunque, l’incongruenza ti costringe a usare il cervello, e allontana la condiscendenza per trascinamento che è sbagliata anche, e forse soprattutto, per le idee giuste. Però, è incongruenza -e tu Fazio non puoi non rendertene conto. Vuoi, per favore, fare dei nomi? Se ci sono delle prove, che esponenti della Lega, come e più degli altri, hanno assecondato le mafie -la fai, la cortesia di sbattergliele in faccia? Se no, se di fronte al comizio del Ministro le prove e i fatti si squagliano, diventano “la verosimiglianza dell’idea che la mafia potrebbe aver avuto interesse a cercare di”… beh allora sei solo un altro alfiere della doppia verità -e allora vai a coltivare cetrioli una buona volta, ed avrai reso un miglior servizio alla Nazione.
  • E  poi, infine, soprattutto… ma -la musica, insomma! Posso perdonare tutto… però! “Vieni via con me” è una bella canzone -cantarla così, è crudeltà intellettuale; e le altre canzoni anche, sempre belle in sé ma, confesso, ho spesso rimpianto il playback (il balletto, invece, non male, dopotutto. Anche se mi chiederò ancora per un bel po’, se l’avesse un qualunque senso)

Insomma. Non è tutta luce… però -la prossima settimana so già che io ci sarò, tra gli spettatori. E spero, anche voi!

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Intrattenimento, Notizie e politica, Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...