specchio della società?

Radio. Il tema del programma, “cose da non fare”.

Come al solito, si grida ai tetti ciò che si bisbiglierebbe in cantina. E un ascoltatore scrive: “per la migliore amica di mia moglie, convincerla a frequentare di nascosto un gruppo di scambisti: è una Cosa da Non Fare”.

E il presentatore, con voce faceta, che commenta “beh, se capitasse a me, una cosa simile…”

potevo facilmente immaginare la logica prosecuzione

“…rifletterei su cosa io le abbia fatto mancare, che cosa sia andata fin là a cercare che non potesse avere con me. E se anche non fosse per una mia mancanza, ma per una semplice curiosità, che hanno voluto provare questa esperienza, ugualmente mi interrogherei, e seriamente, sul perché non sia riuscita ad aprirsi, e a condividerla con me”

no. Quello che ho sentito, è quanto segue:

“…se succedesse a me, le tirerei tanti di quegli sganassoni, finché non sputa i denti. Perché, insomma, intendiamoci, la violenza è da condannare sempre. E però…”

Sono rimasto, a dir poco, allibito. Così, ragiona la gente? Non nella “città vecchia”, non dove “il sole del buon Dio non da i suoi raggi” -in radio!

Possibile?

Annunci

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...