Energie Pulite

Sono arrivato tardi all’evento di Sinistra, Ecologia e Libertà in piazza stasera a Bologna, intitolato “Energie Pulite”, in vista delle amministrative. Talvolta Silvio non ha torto: gli studenti, in genere, sono a casa a studiare… ma almeno, ho fatto in tempo ad ascoltare interamente il discorso conclusivo di Vendola.

Senz’altro: ce ne fossero come lui. La sua analisi del degrado della politica italiana è chiara e impeccabile, e non credo di essere l’unico grato che ci sia la sua voce (e non davvero una voce qualsiasi) a gridare quello che anch’io vorrei potere (e, anche sapere) gridare.

E tuttavia: non ha parlato di Bologna. L’ha nominata forse due volte, così come Merola e la Frascaroli. Ma per il resto, in effetti: condanna la politica che si parla addosso, ma buona parte dell’intervento è stato dedicato alla critica a Calderoli, a La Russa, Casini, Berlusconi; a che cos’è il berlusconismo, a cosa dovrebbe fare la sinistra contro di esso, sempre su scala nazionale. Afferma che la politica dovrebbe occuparsi dei problemi delle persone, dovrebbe “chiamare per nome le realtà con cui si confronta”, e l’altra metà è stata dedicata a Fukushima e alle rivoluzioni e la nostra guerra nel mondo arabo. Argomenti fondamentali, scottanti, senza dubbio; però un po’ gratuiti qui. Non si può evitare, alla fine, l’impressione che abbia un suo discorso che porta avanti indifferentemente da un palco all’altro, bellissimo, sì, in confronto agli altri; ma è un discorso a Bologna, o solo la riedizione di un template di ideali lontani ben collaudato per fare pubblicità alla propria persona?

E anche sugli ideali, in effetti, qualcosa ci sarebbe da dire. Bello affermare che la pace non dev’essere un’utopia, ma un’obiettivo concreto, da realizzare qui ed ora; bello anche citare la Bibbia, le spade in vomeri e tutto il resto. E tuttavia: “tra il baciamano e le bombe c’è una terza via: la diplomazia!”. Magari. Nichi, sei davvero convinto che la diplomazia sola sarebbe bastata con Gheddafi? O è solo comodo affermarlo, finché la responsabilità è di altri? O anche, il nucleare. Ce ne sarebbe da dire, su come il nucleare sia stato fin dall’inizio solo un capitolo della spesa militare, finanziato in perdita dallo stato pur di rifare un’immagine positiva all’atomo dopo Hiroshima (e proseguire la corsa agli armamenti), sempre disperatamente lontana dall’offrire una vera opportunità per il futuro. Ma è più d’effetto lanciarsi in un’accorata difesa di una “sana paura del fuoco” contro le aride statistiche, naturalmente.

Il che non toglie, naturalmente, che spesso voterò il suo partito (vedendo cos’altro passa il convento…). Ma ho concluso che è ora di cercare di seguire più da vicino (mancanza mia finora, ammetto) quello che fa in Puglia, in concreto.

Advertisements

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Energie Pulite

  1. Cianciu ha detto:

    Secondo me chi usa troppa retorica in politica lo fa per ammaestrare i cittadini.
    Certe frasi che ho sentito pronunciare da Vendola le ho trovate così intricate che al più mi parevano supercazzole. Può avere quindi tutta l’eleganza del mondo, ma se ho bisogno di un decoder per capire tutto quello che dice ho la sensazione che molti messaggi sarebbero molto più vuoti, e parli così per supplire scarne argomentazioni.
    Dall’altra parte c’è Grillo che invece è più che diretto, certamente manca di grande eleganza e magari approfitta della sua condizione di comico per sparare a zero sul mondo della politica, quando proprio in quel momento, sebbene distaccatamente, entra a farne parte. La figura del politico-satiro è sicuramente nuova, e per quanto possa cadere a volte in banalità e qualunquismi, la sua voce mi è più chiara, comprensibile e soprattutto condivisibile.
    Tuttavia queste sono considerazioni esteriori, e sebbene l’apparenza in politica faccia da padrone, chi ha un minimo di sale in zucca sceglie in base a considerazioni più consistenti che possono essere il programma e l’esperienza (e per esperienza intendo quella dell’elettore nei confronti dei precedenti ruoli ricoperti dal politico).
    Secondo me è in questo campo che il movimento 5 stelle ha grande forza perchè anche se non ha ancora ricoperto cariche importanti, attraverso i propri eletti consiglieri ha dato segno delle proprie qualità. Io seguo da tempo il blog di Beppe Grillo e il movimento e parecchie volte ho sentito di proposte dei consiglieri m5s rifiutate dall’assemblea di turno (spesso bocciatura bipartisan), e riproposte da un altro schieramento con la rimozione di una virgola (ovviamente quella che più avrebbe inciso sulla “casta”) e dunque approvata.
    Per quanto riguarda Vendola ammetto di non essere molto informato, ma ad esempio so che, per quanto dica, non è riuscito a tutelare l’acquedotto pugliese dalla privatizzazione…
    Per una società intrisa di clientelismi mafioseggianti come la nostra ci vuole o Batman o il m5s!

    • francescodondi ha detto:

      Ammetto di non essere così informato, ma quello che riporti concorda con quello che avevo sentito sui grillini… è per questo che continuo a sperarci.
      Sull’opera di Vendola, appunto, dovrei informarmi.

      Però, dai: è anche un luogo comune che Vendola sia incomprensibile. Certo, potrebbe non essere immediato per gli immigrati o gli operai… che, ok, sono proprio quelli a cui dovrebbe rivolgersi, alla fine. Ma a noi almeno la società ha già fornito un decoder coi fiocchi, mi pare!
      (e in effetti… il modello di discorso “contatto immediato con il popolo” ce l’abbiamo già. Non esattamente la direzione in cui vorrei andare).

      Per fortuna, certo, poi contano i fatti. Ma anche le parole hanno importanza… ora come ora, non sono così certo che Grillo a rappresentare l’Italia sarebbe tanto meno imbarazzante di Berlusconi.

  2. Nicolas ha detto:

    Non si può votare Grillo, benchè ci siano molti Grillini di buone intenzioni (ma anche un po’ ingenui ai miei occhi) perchè a Grillo, oltre alla sua credibilità sempre più in dubbio, manca l’eleganza della politica di Vendola, che non è soltanto un fatto esteriore.
    Posso essere d’accordo che Vendola ha parlato poco di Bologna, lasciando questo compito ai candidati da lui promossi, ma alla fine non ci vedo nulla di sbagliato. Ben peggio il discorso di Merola, che era vuoto e davvero poco convincente, anche perchè lui è di Caserta e non si può diventare bolognese all’istante… insomma chiunque faccia un discorso su una città che non è la sua come minimo rischia di diventare ipocrita.
    A proposito della pace, discorso con il quale posso essere d’accordo, effettivamente poteva essere più chiaro su come un rapporto diplomatico avrebbe potuto migliorare la situazione.
    I suoi discorsi è chiaro li porta avanti da un palco all’altro… ma è quello che deve fare dopotutto anche perchè un palco per lui vale l’altro cercando consensi a livello nazionale… Riconosco che se io voterò Merola non lo farò certo per lui ma per Vendola, anche se Vendola non si occupa e non si può anche occupare delle amministrazioni locali, e in questo caso è costretto ad affidarsi a persone che non ha nemmeno scelto lui.
    Sono assolutamente contrario a “o solo la riedizione di un template di ideali lontani ben collaudato per fare pubblicità alla propria persona”. Perchè pensi che siano ideali ben lontani? A me sembravano attualissimi. Solo perchè la gente, e tu per primo, sta diventando sempre più cinica, anzi proprio per questo, è bene che ci sia qualcuno a ribadirlo. E poi tu eri lì, o sei insensibile, o non puoi vederla come una cosa totalmente falsa. Sicuramente lui è in cerca di voti, sicuramente sono discorsi che ha già fatto, ma lui crede veramente nei discorsi che fa penso, e convince anche noi, che è quello che deve fare.
    Solo una cosa che mi ha ftt pensare letta su un volanti del SEL. Forse è vero che queste centrali nucleari sono sicure al 100 % contro qualsiasi calamità naturale, o strutturale. Ma sono anche sicure contro eventuali attentati terroristici?

    • francescodondi ha detto:

      Certo che ero lì. Più volte ho sentito letteralmente un groppo in gola, dalla potenza delle sue parole. È questo a rendermi sospettoso.
      Non vorrei però far pensare che io lo ritenga “totalmente falso”, questo assolutamente no, anche se forse può sembrare. Il punto è che chiunque, in qualche modo, recita sé stesso. Bisogna sempre capire cosa c’è sotto.

      È una cosa assolutamente ottima che ci sia qualcuno che dice ciò che dice Vendola, l’ho detto, e lo ripeto. Non mi ha fatto una buona impressione, però, che non si siano declinati un po’ di più in funzione del tema dell’incontro.

  3. cianciu ha detto:

    Grande Dò!
    Spero che tu possa scrivere un bel post anche sul comizio di Grillo! Ci sei andato vero? W m5s

    • francescodondi ha detto:

      Eh no, sono arrivato sulla fine della Frascaroli, troppo tardi per potermene fare un’idea seria.

      Grillo… mah. Sono gli unici ad avere coraggio di prendere nuove strade, e in particolare, di rinunciare ai privilegi che la politica potrebbe garantirgli, per questo li stimo moltissimo. Eppure, c’è sempre qualche nota stonata. Al Fermi hanno avuto, ho scoperto, un incontro con i principali candidati (sono rimasto impressionato, c’erano tutti, o almeno loro stretti collaboratori). Il commento che ho sentito su Bugani da chi c’è stato: “un demagogo imbarazzante”. E non è la prima notizia in questo senso che sento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...