Scusate, ma solo a me sembra follia quello che sta accadendo a Green Hill?

Ok: quindi il tribunale di Brescia all’improvviso decide che, nell’allevamento per qualche motivo finito nell’occhio del ciclone delle proteste animaliste, sono necessarie ispezioni più approfondite; e per questo decide che l’allevamento sia sequestrato, per il tempo necessario alle indagini.

Bene, benissimo. Le regole devono essere seguite; che si facciano approfonditi controlli è un bene per i cani ovviamente in primo luogo, è un bene per l’azienda, se non ha nulla da nascondere, per mettere una buona volta a tacere le crtiche, ed è anche assolutamente necessario alla sperimentazione animale: cavie menomate o comunque sotto stress potrebbero falsare gravemente molti degli esperimenti.

Poi viene la notizia che il tribunale ha deciso di affidare i cani sequestrati, sempre temporaneamente finché si svolgano le indagini, alle stesse associazioni ambientaliste parti in causa. E non bastasse: con esplicito permesso a redistribuirli a chiunque in Italia …ad esempio, non è difficile immaginare in prima fila le stesse persone che poco fa non hanno esitato a ricorrere alla violenza pur di liberarli!

Affidamento temporaneo, seriously?

Ora, io chiamo a raccolta le Muse, che mi sostengano nello sforzo impari di trovare un paragone adeguato.

Proviamo. Mettiamo, allora, che voi siate un intermediario nel commercio dell’oro; e come tale teniate depositate grandi quantità di lingotti nella vostra camera blindata.

Ora, un qualche gruppo di autoproclamati “Robin Hood” nonché “Eroi del Proletariato Oppresso” decide che chiunque ammassi oro è un plutocrate, un nemico del popolo, quindi un criminale che in un paese civile dovrebbe essere immediatamente fucilato, ed appeso per i piedi. Fate un giro su Facebook, il tenore dei sentimenti è più o meno questo.

Tale banda assalta la vostra sede; alcuni vengono arestati, i più riescono a scappare con alcuni sacchi d’oro.

Poi cosa succede? Succede che i rappresentanti di questa stessa banda si rivolgono al tribunale, dichiarando che non avete diritto di tenere quell’oro -perché la vostra camera blindata non è a norma.

Il tribunale decide di controllare, per farlo sequestra l’oro …ed invece di spostarlo in un’altra camera blindata, lo affida proprio a quella banda.

Con esplicito permesso di distribuire gratis un pezzo d’oro a chiunque in giro per l’Italia.
(temporaneamente, eh!)

…no, non rende ancora; per un aspetto fondamentale: i cani non sono lingotti. Hanno dei sentimenti. Mettiamoci dall’altra parte.

Immaginate di essere rapiti attraverso un vortice dimensionale. Quando vi riprendete dal notevole shock, vi rendete conto di essere in Paradiso: e siete pieni di felicità, di gioia… per poco, perché poco dopo il tribunale angelico decide che dopotutto la Terra è a norma, e con un altro vortice vi ritrovate di nuovo ingabbiati nella vostra grigia vita casa-ufficio. E finirete all’inferno.

Quel breve periodo non è stato, tirando le somme, più un ulteriore trauma ed una crudeltà gratuita, facendoti pregustare brevemente ciò che non puoi avere, che non un bene?

Come del resto, per converso, si sta anche giocando coi sentimenti di tutte quelle famiglie che, fidandosi delle dichiarazioni animaliste secondo cui “è estremamente improbabile che i cani debbano mai essere restituiti”, si sono recate fino a Brescia per accogliere uno dei cagnolini in famiglia: che nell’eventualità (che, date varie precedenti indagini che non hanno trovato nulla da eccepire, non vedo davvero alcun motivo per definire remota) che a Green Hill sia invece tutto a posto, si troveranno nella simpatica situazione di scegliere se accettare di riconsegnare un esserino a cui è impossibile, avendolo per casa, non affezionarsi di cuore, ad un destino obiettivamente crudele …o entrare nell’illegalità. Davvero una buona idea creare situazioni del genere.

EDIT: famiglie che, tra l’altro, lo sappiano oppure no (sarà meglio di sì, se non vogliamo che la “liberazione” non serva neppure ai cani stessi), si sono assunte un impegno decisamente pesante.

Insomma, mi pare che nell’ipotesi migliore i giudici abbiano fatto, come che la si guardi, qualcosa di incommensurabilmente stupido. Nell’ipotesi migliore, in cui abbiano semplicemente seguito a macchinetta le leggi … ma in genere, chi arriva a posizioni simili non dovrebbe essere stupido. O almeno, verosimilmente più corrotto che stupido… e l’unico caso in cui questa sentenza ha una sua logica è quello in cui la sentenza di condanna sia stata già scritta prima di ogni indagine.

Michela Vittoria Brambilla ha messo pesantemente la faccia nell’operazione Green Hill. Ed ha ottenuto un successo inestimabile: rarissimo è in questo momento che un politico riesca a mettersi in così buona luce presso una fetta tutto sommato ampia e soprattutto convinta della popolazione -tantopiù, senza alcuna concessione su un tema di una qualche rilevanza vera sul piano economico (o per lo meno, l’economia di muratori e calzolai che è l’unica che gli importi). Un successo talmente strategico, che tra le “liste civiche” sotto cui ad un certo punto si è pensato di nascondere i poveri resti del Pdl è subito spuntata una “lista animalista”.

Può essere che il caro ex-Presidente, non dimentichiamo, almeno fino alle elezioni ancora potente, comunque di certo ricco quanto basta, abbia dato qualche “spintarella” ai giudici, per ottenere una sentenza tanto illogica? E a questo punto potrebbe ben completare il lavoro con gli ispettori… recuperare un po’ di prezioso consenso, e con esso potere e privilegi, val bene assestare un altro colpo al futuro della ricerca scentifica in Italia, no? Ormai, colpo più, colpo meno…

Ecco, meraviglioso

Personalmente, e la mia è solo un’opinione, ritengo che sia poco probabile il dissequestro della struttura -spiega Benato in una nota– e dei cani ivi detenuti. Non tanto per questioni di diritto sostanziale (atteso che, per contestazioni più gravi di quelle oggi in esame è già stato archiviato più di un procedimento a carico della Green Hill 2001 srl, e senza alcun sequestro), quanto per ragioni meramente pratiche: il dissequestro, infatti, comporterebbe insormontabili difficoltà nel recupero dei beagle già consegnati; la probabile insorgenza di numerosi procedimenti penali a carico dei privati cittadini assegnatari (gran parte dei quali, probabilmente, sarebbe riluttante all’idea della restituzione); un implicito riconoscimento di danni a Green Hill, per un atto ascrivibile alla Procura di Brescia, per aver adottato un provvedimento non giustificabile o comunque non opportuno. Per cui, in estrema sintesi, confido che non venga dissequestrato nulla“.

Un Paese in cui una persona può ritenere sensato un ragionamento simile è un Paese senza dignità giuridica.

Credo che prenderò il porto d’armi, farò una strage alla prima di qualche Kolossal, e se mi beccano mi difenderò così:

Personalmente, e la mia è solo un’opinione, ritengo che sia poco probabile una condanna. Non tanto per questioni di diritto sostanziale (atteso che, tutto sommato, il killer ripreso dalle telecamere mi assomiglia molto), quanto per ragioni meramente pratiche: anche se condannato, non saprei proprio come riportare in vita le persone uccise! E poi una condanna comporterebbe un implicito riconoscimento di danni alle famiglie delle vittime, per un atto ascrivibile alla Questura, per avermi concesso il porto d’armi senza neppure controllare il mio blog dove avevo dichiarato chiaro e tondo cosa intendevo farne. Per cui, in estrema sintesi, confido che si arriverà alla piena assoluzione“.

Aggiornamento, 4 settembre: http://it.notizie.yahoo.com/green-hill-beagle-rigettati-dalle-famiglie-di-adozione.html

Advertisements

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Scusate, ma solo a me sembra follia quello che sta accadendo a Green Hill?

  1. Gaia ha detto:

    Guarda, dalla mia esperienza in laboratorio ti dico che quei cani non torneranno, sarebbe troppo stressante per loro essere rimessi in gabbia. Un tortura psicologica che prima non c’era, visto che non conoscevano altro. Ma adesso… Sai che a Bologna anni fa c’era un leone ai giardini? Bene, gli animalisti tanto hanno detto tanto hanno fatto che è stato “liberato”… ed è morto poco tempo dopo. Va beh…
    Altra piccola cosa su Green Hill: se c’è maltrattamento di animali li sequestri e li affidi ad un’altra struttura, non a privati, ma soprattutto se ci sono problemi burocratici (come pare siano queste scorrettezze avvenute nella struttura) gli animali non li devi proprio toccare, fai una multa e basta. Stato italiano di merda, cavalca l’onda dell’ignoranza popolare e fa danni a tutti!

    • francescodondi ha detto:

      Eh -esatto!

      Quindi, qualcuno dovrà pagare… magari alcuni degli affidatari saranno disposti a sborsare 3000€ per tenersi il cucciolotto, ma dubito che una percentuale rilevante vorrà (anche solo potrà) farlo. E allora chi paga? Mi piace pensare che sarà la LAV a ripianare: dopotutto, se ti affido dei fogli di carta da custodire e me li riporti scritti… ma se li ho affidati a un bambino a cui piace colorare, e per di più con esplicita “autorizzazione a farci scorrere sopra strumenti da disegno”, è un po’ azzardato poi pretendere che implicitamente fosse inteso che non dovesse comunque lasciarci alcun segno… e insomma, pagherà Pantalone.

      Vuoi vedere che Berlusconi è riuscito a convincermi della necessità di una più severa legge sulla responsabilità civile dei giudici, se si prendono decisioni del genere!

  2. Napoleone Michele ha detto:

    Guarda sono d’accordo con te anche a me sembra una cosa assurda, questa faccenda mi infastidisce parecchio perché i media ci vanno a braccetto giudicando come lager Green
    Hill (quando poi vai a vedere le foto dei cani “salvati” e sono tutti in carne e non mi sembrano maltrattati) e si permettono di fare affermazioni false riguardo alla sperimentazione animale (per esempio già il fatto di usare come sinonimo il termine “vivisezione”).
    Poi mettiamo caso che Green Hill non venga dichiarata colpevole a quel punto i cani dovrebbero essere restituiti e sono piuttosto convinto che, dopo aver vissuto in affidamento a delle famiglie, non siano per la maggior parte idonei alla sperimentazione e di conseguenza GH potrebbe chiedere che gli vengano risarciti i danni e in quel caso credo sarebbe lo stato a dover pagare per le azioni di legambiente e LAV.
    Sulla Brambilla non mi voglio esprimere, lascio solo un link:
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/07/23/lecco-chiudera-canile-della-brambilla-comune-non-risponde-ai-requisiti-di-legge/303029/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...