Gambaro Gambaro Gambaro…

Ok, così la notizia del giorno è il voto per l’espulsione della senatrice Gambaro. Colpevole di aver rilasciato un’intervista, in cui ammette la sconfitta alle regionali -e ne dà la colpa a Grillo.

Ora: va molto di moda su tutti i media (e sul web, ad eccezione delle pagine grilline) schierarsi a difesa della martire dell’epurazione dell’autocrate Grillo.

Però… fate una cosa anticonformista: guardate coi vostri occhi, prima di parlare.

(ho trovato finora solo due video su YouTube che riportano la dichiarazione -non superano le 6000 visioni totali. Credo che tra giornalisti e blogger, abbiano scritto di quell’intervista più persone di quante hanno perso 1:20 a guardarla)

Per il massimo della comodità, eccovelo.

Bene. Ascoltate la voce, l’intonazione, le pause.

Vi sembra una persona sincera?

Suggerimento: per me, no. A me dà la fortissima sensazione di star recitando un documento che ha messo insieme sulla base di un obiettivo, piuttosto che quel che pensa.

Il che è confermato dal fatto che non ha mai parlato dei suoi dubbi in assemblea, prima di farlo con i giornalisti. Lo ha ammesso lei stessa, mi pare.

E poi del resto: è credibile che tu non sia d’accordo con i toni di Grillo, quando sei stata eletta grazie a quelli?

No, la situazione mi pare abbastanza chiara. La signora Gambaro non è affatto soddisfatta di fare da segnaposto, al Senato: vuole un po’ di notorietà personale. Per fare questo, la via più sicura era criticare Grillo. Essendo non particolarmente abile, non sa mentire granché bene. Ma nel paese dei tifosi, l’abilità conta zero -tanto, come abbiamo verificato, nessuno avrebbe davvero guardato il video. Tutto ciò che è importato, tanto ai grillini quanto ai loro avversari, è: “qualcuno critica Grillo!”.

E così, espulsa o no, sarebbe diventata con poca fatica l’eroina anti-Grillo …la leader naturale di una opposizione interna al M5S. Che matematicamente non può non formarsi, in un partito allo stesso tempo assolutamente contraddittorio ed assolutamente integralista. Comunque vada, il suo posto al sole se lo è guadagnato… i conti tornano. La scelta se espellerla o no, è semplicemente la scelta se questa opposizione sarà interna oppure esterna al gruppo.

Naturalmente, il fatto che lei non avesse, con ogni probabilità, fini poi così nobili, non toglie che la reazione del M5S sia stata isterica al livello del parossismo.

Certo, è vero che anche il Pd espelle: ma, in genere, almeno formalmente, il motivo è la divergenza su temi fondamentali… non sullo stile comunicativo del leader. A meno che non si voglia ammettere che gli urli di Grillo sono la linea politica…

Poi, è stata accusata con disprezzo di “volersi tenere i soldi”. Farei notare, a chi fa questa accusa, che allora esiste una maniera molto efficace per mandare miseramente all’aria il suo malvagio piano… basta non espellerla! Strategia troppo sofisticata, eh?

E infine; la procedura di espulsione funziona in due stadi: prima il gruppo parlamentare vota (quel che hanno appena fatto); in caso positivo, si interpella la Rete. Ora: vari senatori hanno affermato che votare per l’espulsione ‘non è votare per l’espulsione. È per passare la parola alla Rete!’; ed anzi hanno aggiunto, ‘sarebbe contro lo spirito del movimento non votare perché la Rete si esprima’.

…ora. Se nelle regole del movimento quel passaggio c’è, forse è perché non è contro lo spirito del movimento che si decida secondo coscienza -anziché pretendere di farne una formalità dal risultato predeterminato? Perché non mettiamo ai voti la vostra espulsione ogni tanto, signori; vorrete mica togliere alla Rete la decisione? Questa è pura e semplice mancanza dell’onesta e del senso democratico necessari per utilizzare gli strumenti democratici, senza pretendere ad ogni passo di stravolgerli secondo la comodità del momento. È esattamente con questa mentalità che Berlusconi ha stravolto la nostra Costituzione, creando una repubblica presidenziale/dittatura sull’impianto formale di una repubblica parlamentare. Ma, se voi non sapete neppure non stravolgere le norme che vi siete dati da soli qualche mese fa… qualche domanda viene da farsela, se sia il caso di affidarvi lo Stato.

Con tutto ciò -non perché non mi piace qualcuno, mi pare un buon motivo per unirmi al coro di lodatori di chiunque non stia dalla sua parte. Per me la Gambaro è una piccola ambiziosa, ipocrita ed opportunista… perfetta rappresentante dello spirito italico, insomma. Continuate pure a vedere bianco da una parte e nero dall’altra… io vedo un fantastico arcobaleno di sfumature di grigio topo.

Advertisements

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...