Euro: anche le banche piangono.

L’ennesimo articolo che piange l’ignoranza del popolo bue… poi apri il paper a cui ti riferisci -e ti accorgi che non l’ha letto.

È LA DIMOSTRAZIONE CHE I GOVERNI NON EMETTONO DEBITO PER FINANZIARSI, MA PER REGALARE SOLDI ALLE BANCHE!

Se trovate un modo più delirante di interpretare il documento, fatemi un fischio.

Quello che invece troverete nel paper, è

  1. la dimostrazione che il mercato finanziario ha bisogno dell’esistenza di titoli senza rischio in quantità (tipicamente, debito degli stati) per mantenere un minimo di stabilità (…chiaramente si sono fermati qui per trarre le conclusioni di cui sopra)
  2. l’analisi approfondita del perché mai una buona fetta dei titoli che erano senza rischio non lo sono più. Con un preciso colpevole: l’Euro.

Insomma, hanno calcolato per filo e per segno quel che avrebbero potuto notare anche un po’ di tempo fa. E che del resto avevo notato anche io -anche senza la pretesa che due corsi di economia mi dessero l’autorità di proporre modelli, il punto qualitativo è chiaro.

Insomma, quello che dice è che

  1. …su una cosa, i signoraggisti hanno quasi ragione: la “sovranità monetaria”, se usata bene, è estremamente utile per tenere sotto controllo il debito. Una banca centrale che aiuta lo Stato ha un forte effetto benefico, senza necessariamente un alto rischio d’inflazione. Questo effetto, matematicamente, svanisce per un’Unione -una sola banca centrale per molti governi. E questa è proprio una delle prime cause dell’incancrenirsi della crisi per noi.
  2. Dall’altra parte. I complottisti, che denunciano come l’architettura dell’Europa sia stata disegnata dai banchieri per trarci assurdi profitti, paiono (strano) avere torto marcio… alla fine dei conti sono scontente anche le banche! Che farebbero volentieri a meno di incassare 2 anziché 4, in cambio di non vivere sulle spine di poter non rivedere i loro soldi ovunque li mettano.

Insomma: se avesse un governo, un bilancio, un debito unico (e, una BCE più espansiva) non solo smetteremmo di pagare la ‘tassa sfiducia’ che ci sta distruggendo… ma, di più: gli Eurobond diventerebbero un “riskless asset”, e di prima classe. Un titolo che il mercato sarebbe ben felice di comprare quasi a qualunque prezzo, ovvero, anche ad interessi stracciati.

Continuiamo a farci del male, eh.

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...