Turbo fail

Ho comprato un nuovissimo Toshiba Satellite L50. Volevo finalmente un computer con una potenza moderna: ho preso il modello con un processore Intel i7-4700MQ (quad core fisico), e scheda video Nvidia Geforce 740M (396 core CUDA).

…torno a casa, e giusto sulla strada del ritorno, un amico mi fa terrorismo su quanto scaldano gli i7. Ho sbagliato tutto?

No :D Per fortuna, gli Haswell non sono i …primi arrivati: la tecnologia è avanzata; e per i carichi di lavoro medi lavora pressoché a temperatura ambiente (40-45°C, rare punte di 60).

Tuttavia, l’avevo comprato potente per usarlo: se voglio lasciarlo una giornata a calcolare mentre sono fuori, non voglio tornare e trovarlo fuso. Così, appena possibile sono passato da MediaWorld, ed ho comprato il “cooler stand” più costoso sul mercato: Trust Xtream. Guardate che design figo:

… ed anche il prezzo è al top: 25€.

Funziona?

Ho fatto un po’ di test.

Per avere un lavoro scientifico reale con cui testare, ho scaricato BOINC (cosa comunque buona e giusta ;)  L’avrei fatto in ogni caso ), ed ho aggiunto un progetto che utilizza la GPU. L’ho settato per utilizzare al più 20% della CPU, mentre la GPU era usata al 100%. In aggiunta, un carico usuale: chattavo su facebook e tenevo un video in loop su YouTube in Google Chrome (su Windows: non ho ancora avuto tempo di installare Linux -e non è detto la GPU funzioni immediatamente). Tutto nuovo e aggiornato all’ultima versione, compresi i driver della scheda video. Per i dati sulle condizioni dell’hardware ho usato l’ottimo Speccy.

Ho notato che la GPU era sempre mediamente 1 grado più fredda della CPU; mentre la scheda madre sempre 2-3 gradi più calda. Vi do quindi i gradi della CPU nelle varie configurazioni:

  • Stand, acceso: 69°C
  • Stand, spento: 71°C
  • Nessuno stand: 69°C
  • Un libro sotto: 65°C

Diverse conformazioni di libri (due ai lati o uno al centro, più o meno spesso) hanno dato differenze di 1-2 gradi. Che non cambiano il risultato… lo stand è inutile, o dannoso.

…e comunque perde contro un banalissimo libro!

Per completezza, ho fatto il test anche con il mio vecchio computer, un Dell Latitude del 2009; in cui sospetto fortemente la ventola sia rotta.

Lo stand è utile almeno in questo caso?

Semplicemente accendendo (pur con lo stesso cavo, l’internet era talmente lento che non riuscivo neppure a caricare un video), le temperature erano già superiori. Ma di quanto?

  • Nessuno stand: 63 °C
  • Stand spento: 57°C
  • Stand acceso: 57°C
…già. Lo stand, sollevando e facendo circolare meglio l’aria (sicché conferma che probabilmente non circola per colpa della ventola non funzionante), effettivamente aiuta… ma la ventola aggiuntiva non fa nulla.
Vabeh; 25€ non sono una tragedia. Ma è semplicemente demotivante, che un gingillo tecnologico di cui ho sentito tanto parlare si riveli completamente inutile
Credo mi rassegnerò ad usare TTrotthle; che garantisce che la temperatura resti sotto controllo -al prezzo di rallentare il calcolo anche drasticamente, se necessario.
Qualcuno per caso conosce un metodo meno triste per assicurarmi che il computer stia fresco, stressando meno la ventola -e possibilmente risparmiando sul rumore totale?

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...