Esperto mondiale in unicorni rosa invisibili

Capita spesso di sentirsi accusare di arroganza se si pretende di avere una risposta ad una domanda sulla quale, invece, c’è ancora un forte dibattito.

È molto semplice: se ci sono degli esperti, la cosa più razionale che puoi fare è fidarti di loro.
Altrimenti se pretendi di fare meglio con la ‘tua ricerca’, sei identico ai complottisti: tutti gli scienziati che lavorano nel campo di sbagliano, noi abbiamo scoperto che i vaccini fanno male/la sperimentazione animale non serve/l’AIDS non esiste/etc. È l’esatto contrario di quello che un buon razionalista dovrebbe fare.

E quindi, esempio ovvio: la religione. Come puoi pretendere di saperne più del Papa? Sei proprio arrogante, allora, a prenderne di correggerlo.
Ma lo stesso anche molti problemi filosofici, che all’uomo della strada sembrano pura lana caprina, eppure accumulano pubblicazioni su pubblicazioni per una posizione o per l’altra.

Eh, che dire, è vero. Non so altrettanto di cattolocesimo del Papa. Nè di omeopatia quanto un omeopata. Quindi non posso che fidarmi di loro, nel loro campo. O no?

Sì! E no.

Pensandoci, serve una distinzione.

Perché ritengo che un esperto sappia effettivamente più di me? Certamente ha letto più libri, ci mancherebbe, ma a loro volta -cosa rende quei libri più rilevanti delle avventure di Pimpi e gli amici del bosco?
Certamente, i libri con idee giudicate dai loro lettori assurde sono stati abbandonati, e quelli convincenti diffusi e ripresi degli autori successivi. Bene: ma cosa rende ‘convincente’? In altre parole: non si rischia di ottenere un distillato della mente collettiva di chi ha letto nel corso dei secoli -piuttosto che qualcosa che ha a che fare con la realtà?

Qui sta il punto. Si crede alla validità dell’esperienza di professionisti, e alla validità della conoscenza collettiva di quella professione, su cui l’esperienza individuale poi costruisce, perché si suppone che quali idee che assorbono dalla generazione precedente, si formano da sè, e poi passano alla generazione successiva, siano selezionate in base alla realtà.

In altre parole, io credo all’esperienza degli ingegneri precisamente perché è successo questo

In che senso? Nel più brutale: perché posso supporre che qualunque idea che portasse a questo risultato sia stata segata decisamente dal corpus di teorie ritenute valide. Moltiplicate per milioni di piccoli incidenti, ed ottenete perché fidarsi di un ingegnere dà la quasi garanzia di evitare virtualmente qualunque errore in cui potresti incorrere: il corpus da cui attinge è effettivamente passato per quegli errori, e li ha superati.

Stessa cosa per i vaccini: se c’è stato un vaccino che non ha portato risultati contro la malattia, e/o a pesanti reazioni avverse, mi aspetto che sia troppo grossa come cosa per essere ignorata. E che gli esperti che sostenevano che sarebbe stato benefico siano stati già costretti a cambiare opinione dai loro stessi colleghi che hanno osservato il fatto -senza bisogno della mia raccolta firme al mercato del pesce.

Detto questo, mostratemi quando un Papa ha ammesso che la realtà gli ha dato torto. Come, non può succedere? Bene; allora l’esperienza dei papi è una macchina che gira a vuoto, è una fotocamera che produce un’immagine super HD del tappo dell’obiettivo. E il mio giudizio vale quantomeno altrettanto. Lo stesso dicasi per qualunque altra teoria non faccia predizioni concretamente verificabili.

(…piccola nota per deformazione professionale: la matematica è un animale a parte. Non fa proprio affermazioni sulla realtà; l’utilità della matematica è completamente all’interno dell’esperienza di chi la applica a ciascuno specifico campo.
Del resto, la matematica NON richiede affatto di credere all’autorità di qualcuno per orientarsi tra una selva di teorie -ha una verità su cui …non puoi non concordare; e di tutto ciò che va al di là non pretende nemmeno di occuparsi)

Annunci

Informazioni su francescodondi

Qui il mio curriculum online. "nerd score"
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...