Ridateci le (AM) lire!

Va di moda chiedere i danni di guerra alla Germania. Ma perché proprio solo alla Germania?

Certo, i tedeschi hanno segnato nuovi record di atrocità. Ma per la maggioranza della popolazione, la guerra è sempre guerra.

Come diceva mia nonna

I tedeschi sparavano alle nostre gallline per mangiarsele, ma siamo riusciti a salvarne qualcuna. Prima cosa che hanno fatto i liberatori americani, hanno sparato alle galline rimaste.

E parlando più in particolare, una delle rivendicazioni greche riguarda un prestito a scadenza infinita e tasso di interesse nullo (leggi: furto) imposto dalla Germania alla banca centrale di Grecia. Bene. Le conoscete queste?

am1

Gli americani, occupata l’Italia, si misero a… stampare lire, a fiumi. Essenzialmente, si pagarono l’occupazione spremendo il nostro signoraggio (sii, esiste anche se non è quel che dicono i complottisti). Stiamo parlando della stessa cosa, rispetto al prestito greco? Sì! Gli americani hanno rinunciato alla finzione giuridica che fossero gli italiani a creare moneta e consegnargliela ‘volontariamente'; ma la sostanza è che se ne sono appropriati.

Dove sono i risarcimenti? Perché ha creato parecchi danni; contribuendo in modo sostanziale all’inflazione. Mio bisnonno era un commerciante; l’iperinflazione l’ha rovinato.

Certo, l’Italia accettò questo, dichiarando che le AM-lire sarebbero state scambiate alla pari con le lire originali del Regno. Così come anche la Grecia firmò il trattato che sanciva che la Germania unita nasceva libera da pendenze relative alla II guerra mondiale; salvo qualche centinaio di milioni, che fu poi regolarmente pagato. E quindi?

E quindi niente; ma se Obama è tanto ansioso di alleviare le sofferenze dei paesi europei in recessione, gli ricordo che anche l’Italia ha sofferto parecchio nella crisi; e adesso gli ho trovato anche una scusa per aiutarci.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Lasciate stare i morti

Il Ministro delle Finaze di Atene dichiara

“La Germania sa bene che cosa può succedere quando si scoraggia troppo a lungo una nazione orgogliosa e la si espone a trattative e preoccupazioni di una crisi del debito deflattiva, senza luce alla fine del tunnel: questa nazione prima o poi fermenta“.

Geniale. Sì, ha senso.

Peccato che la Germania è stata ricostruita sull’orrore per quello che il nazismo aveva fatto; un orrore per cui non sono pensabili cause o giustificazioni.

Sì, la Germania potrebbe superare i traumi della più grande tragedia dell’umanità, e i conseguenti tabù su cui è stata ricostruita per 60 anni, ed arrivare ad una comprensione storica completa ed equilibrata del suo passato. Da un giorno all’altro. In risposta ad una provocazione di un debitore che non vuole pagare.

Oppure, il messaggio recepito alla fine potrebbe suonare così

  1. I vostri nonni erano persone orribili, senza possibile scusa o giustificazione (assioma tedesco)
  2. noi siamo esattamente come loro
Il confine sud della Bulgaria il giorno dopo che un giornale tedesco riprenda la dichiarazione.

Il confine sud della Bulgaria, il giorno dopo che un giornale tedesco riprenda la dichiarazione.

Perché rievocare spettri, mai un’opzione dagli esiti controllabili, quando esiste un argomento effettivamente sensato?

Gli squilibri in Europa sono oggettivi; e nessuno dei governi europei li aveva previsti, non solo chi poi ne è caduto vittima. Nè ne è caduto vittima solo chi ha truccato i conti -basta guardare Spagna e ancor più Irlanda: per anni hanno avuto un bilancio perfino in attivo (di molto per l’Irlanda), un debito publico inesistente; e sono finite in crisi quasi altrettanto (anche se la solidità fiscale precedente gli ha dato infinitamente più spazio per reagire).

Da un certo punto di vista, visto quanto poco si era capito nel creare questa benedetta moneta, è pressoché fortuna che il modello tedesco si sia poi rivelato tanto vincente (…o l’alternativa è credere che fosse tutto un complotto fin dall’inizio, se si sapeva e non s’è detto). E, in una comunità, la sfortuna si affronta insieme.

O comunque, qualcosa bisognerà fare per correggere gli squilibri prima della prossima crisi; e quel qualcosa, se formulato bene, ha molte probabilità di trovare ampio consenso in Europa, e di aiutare non poco la Grecia.

Lo scopo dovrebbe essere indirizzare la discussione verso questo piano.

Ma no, è politicamente meglio vendibile caricare a lancia in resta verso un ipotetico Quarto Reich finanziario.

Rischiando di mancare clamorosamente mira e finire dritti tra le braccia della Russia. Che come noto è un angnellino.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La Grecia entrerà nell’orbita della Russia?

Coi soldi della Cina si intende; si sa che fanno poliziotto buono-poliziotto cattivo.

Del resto:

-la Russia ha sempre guardato ai Balcani come sua naturale area di influenza. Di più: sarebbe una spettacolare contromossa al tentativo di “accerchiamento” che l’Unine Europea ha messo in atto con l’Ucraina. A Putin (e al suo elettorato) cose del genere piacciono. E del resto, la vera posta in gioco per lui adesso è l’Ucraina -che è messa molto peggio della Grecia. Se la Grecia si salvasse grazie alla Russia, e si profilasse la possibilità di un salvataggio simile per l’Ucraina se cambiasse lato, il governo anti-russo avrebbe probabilmente i giorni contati.

-la Cina non si è mai fatta problemi a gettare soldi su casi disperati pur di piantare bandierine da superpotenza in giro per i mondo. E nel caso della Grecia, la partita è ovvia: avere un tallone in Europa. L’interesse nel porto del Pireo non è una novità. Certo, ora Tsipras come primo atto ha fermato la vendita definitiva… ma dopo uscita dall’Euro, default e svalutazione, potrebbe essere costretto a vendergli di fatto l’intero paese; essenzialmente cambiando padrone dalla Troika ad uno meno spaventato di perdere, perché con di più da guadagnare. Il popolo può odiare un solo lato alla volta; e la transizione sarà tutta un trionfo di democrazia e orgogliosa rivolta contro il neoliberismo, sui giornali greci.

Dall’altra parte:

-la Germania si rende conto che la Grecia non può pagare. E pazienza; quando gli elettori tedeschi si renderanno conto che il QE non è la fine del mondo, allargarlo di 400 miliardi non sarà particolarmente un problema. Il problema ora è però non ripetere la stessa tragedia con altri stati (Italia, ma anche e soprattutto Spagna) che possano essere tentati di chiedere un tratto di penna sui loro debiti. Per questo, se la Grecia non seguirà le direttive dell’Europa, è necessario dal punto di vista tedesco che l’esito sia un disastro di proporzioni tali da essere un esempio agli altri. Se poi questo la spingerà per disperazione tra le braccia di una potenza straniera, è un danno collaterale… anzi, potrebbe perfino essere un vantaggio. La Germania è ben felice di commerciare con la Cina; ed ora che le vie di terra sono minacciate a causa dell’instabilità russa, aprire una via marittima che i cinesi possano chiamare propria potrebbe essere un toccasana per il commercio.

-gli USA, ovviamente, strepiteranno a non finire, come per l’Ucraina. Ma gli conviene. Cosa gli serve la Grecia? È una punta di diamante sul Mediterraneo; ma con lo sviluppo del gas di scisto, e più a lungo termine del rinnovabile, il Medio Oriente è passato da asset strategico a liability. L’ultimo messaggio è stato abbastanza chiaro: “ce ne freghiamo delle vostre tradizioni medioevali; possiamo continuare a giocare insieme, ma le regole tornano ad essere le nostre”. Di fronte al completo fallimento, dall’Iraq alla Libia, del tentativo di “normalizzare” la regione imponendo regimi democratici amici, e di fronte alla ripresa dell’imperialismo russo (che ad esempio ha stretto un asse di ferro con Assad), l’opzione migliore per loro è ritorcere contro la Russia la stessa tattica che usarono contro Napoleone: ritirarsi, e lasciare al nemico il dubbio piacere di “conquistare” una montagna di macerie fumanti. La Grecia, ora, si è appena messa in fila per far parte delle macerie. Del resto, l’Europa appetibile non è la Grecia, né tantomeno l’Ucraina, ma tutto il resto -quella occidentale, ma anche e soprattutto quella nordorientale (Polonia, etc): un territorio in rapido sviluppo, ma anche unito dall’essere profondamente russofobo. Un’Europa accerchiata e spaventata è esattamente quello che ci vuole per rinsaldare la cappa della NATO, a cui, fin dai tempi dell’Iraq, vari governi sono stati fin troppo recalcitranti; e soprattutto, è un’Europa, in mancanza di altri sbocchi, molto più propensa a firmare il famoso TTIP. Quale migliore accerchiamento che una Russia-Cina con un piede ad Atene?

Sembra fantascienza? I BRICS (quindi soprattutto Russia e Cina) hanno appena creato una loro versione del FMI, con potenza di fuoco (per ora) di 100 miliardi. E Tsipras ha già preso posizione a favore della Russia. Forse è solo una mossa politica per alzare il livello dello scontro dopo che il panico in cui forse sperava non c’è stato; o forse è semplicemente quello che onestamente credono. Ma potrebbe essere quella la direzione quasi inevitabile, che se ne rendano pienamente conto o no.

Pubblicato in Notizie e politica | Contrassegnato , , , , | 1 commento

Chi è causa del suo mal elegga Tsipras

E così, Tsipras ha formato un governo con la destra.

131605186-9df33d08-67b0-4de5-bc7e-461022233da9

(e non un centro-centro-centro-destra, eh; il leader con cui hanno stretto un accordo una volta se l’è presa con gli ebrei sostenendo che siano privilegiati, per capirci)

…e l’unica cosa che mi sorprende è che abbia avuto così tanto pragmatismo. Ma al di là dell’ideologia, che sulla gestione dello Stato e dell’economia estrema destra ed estrema sinistra stiano dalla stessa parte lo suggerivo da tempo.

Il problema è che il pragmatismo finisce qui. Se non capite perché, aprite la vostra tessera elettorale e fateci una croce sopra, per favore. Se volete invece approfondire i dettagli, aprite ad esempio questo link.

E no, non si riesce ad avere compassione. Il Belgio, dal ’93 al 2007, è calato dal 135% di debito all’85%. L’Italia, con tutti i suoi problemi, è passata dal 120% al 105% -e si noti che, con crescita zero, era letteralmente una corsa in salita. Restano non giustificabili i deficit al 4-5% del 2004-2005 (spesucce a fini elettorali di Berlusconi); però insomma, nei limiti del possibile, lo sforzo c’era.

La Grecia, pur avendo sottoscritto, come tutti, un trattato che la impegnava ad arrivare al 60%, è passata dal 100% al… 110. E attenzione: a fronte di un PIL che, in termini nominali, aumentava ad un ruggente 7% l’anno: che avrebbe reso tutto più semplice.

[Certo, il debito privato è aumentato in modo ancora più drammatico; ma curiosamente, gli stessi che affermano che il comportamento prodigo dello stato non ha avuto niente a che fare con la preparazione della crisi, poi danno completamente colpa delle ristrettezze attuali all’austerità. Ma allora, lo Stato è fondamentale o no? Lo Stato dà il la, semplicemente. Una volta innescato, il circolo vizioso inflazione-debito porta in bolla anche il debito privato. Ma, se lo Stato greco avesse preso un minimo sul serio l’impegno di rispettare i trattati europei avendone tra l’altro l’opportunità sul piatto d’argento, l’effetto sarebbe stato di “raffreddare” significativamente il boom; e quindi evitare il peggio dello sboom ora.]

E non mi dite che non ci sono state elezioni dal 1992 al 2008.

Quindi, i greci oggi mandano al governo qualcuno con l’esplicito mandato di non rispettare i trattati perché sono disperati. Ma sono disperati non per una imponderabile congiunzione dei pianeti; non sarebbero così disperati, se per sedici anni non avessero consistentemente mandato al potere gente che dei trattati (che, pure, un motivo avevano) se n’è fregata anche con la congiuntura più favorevole d’Europa.

E in democrazia il potere appartiene al popolo. Ma col potere viene la responsabilità.

Detto questo, sarebbe giusto creare un qualche genere di rete di sicurezza europea, per salvare dal peggio gli ultimi sempre e comunque, in caso di particolare difficoltà? Assolutamente sì!

(a dire il vero una soluzione concepita in modo leggermente diverso è quella che propongo io, pensata per essere molto più digeribile alle nazioni “core”; ma l’essenza è quella)

Non perché l’Europa lo debba alla Grecia. Perché lo deve innanzitutto a sé stessa, a quella umanità e quei dritti che sono il suo marchio di fabbrica nel mondo.

…e al fatto che, tolta la scusa dei più deboli, si taglierebbero le gambe al populismo. Non ci sarebbero più scuse, per i governi, per non agire aggressivamente sui restanti capitoli di spesa, e restituire il dovuto.

[…per l’Italia sono 700€ che ci devono. A testa.]

Se chiedesse questo, si aprirebbe un dibattito immenso. Ma potrebbe anche spuntarla. E io sarei dalla sua parte.

Invece, Tsipras cosa fa? Vuole annullare tutti i sacrifici degli ultimi tre anni, eliminandone una parte degli effetti deleteri; di certo tutti quelli positivi. E sostituirli invece con una paccata di miliardi gratis, che l’Europa farebbe fatica a trovare anche se volesse.

Eh sì, non può che andare bene

Die Banken dürften zu diesem Zeitpunkt bereits Kasse gemacht haben. Dann kommt die Zeit, Schlussbilanz zu ziehen für das Projekt Euro.

Le banche hanno probabilmente già fatto il punto sulla propria situazione di cassa. Dunque è arrivato il tempo di fare un bilancio di questo Progetto Euro.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Italian court finds beagle breeders guilty in politically motivated trial

francescodondi:

Bene. Ora i cani sono liberi. Evviva! Vi consola di aver perso il lavoro? No? Peccato. Ora chiedetevi perché un’azienda estera non vorrebbe mettere piede in Italia a pagarla, sapendo (e notate che l’articolo è in inglese) che rischia di perdere tutto in una sentenza come questa. Secondo voi?

Originally posted on Speaking of Research:

Today, three members of management at Green Hill beagle breeding facility were found guilty of animal mistreatment and each sentenced to a 12-18 month prison sentence. This sentence is a farce, as we will explain. But first, let us return to the beginning.

In 2011, animal rights activists began a high profile campaign against the Green Hill beagle breeding facility in Italy. The facility, owned by Marshall Bioresources, was accused of mistreatment of the beagles . The campaign received enormous help from an Italian TV programme, Striscia la Notizia, that worked to turn public opinion against the breeding facility. In the course of the TV and newspaper reports many lies were told, for example that animal research was undertaken inside the breeding facility, that beagles were sold for cosmetic testing in France, and that dogs were debarked, even if the videos taken by the activists themselves showed dogs…

View original 1.026 altre parole

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Un rapido calcolo

Come sapete, è fin troppo facile confutare Einstein

Credits to xkcd

Credits to xkcd

Pertanto mi dedicherò a confutare Selvaggia Lucarelli.

La Nostra dichiara qui che un computer con hard disk da 1TB è sufficiente per contenere _quasi_ qualunque cosa possa servire al figlio Leon; l’eccezione essendo “tutti i selfie di Belen Rodriguez”.

Quanti sono i selfie di Belen, realisticamente? Il suo profilo instagram conta al momento 2433 foto.

Ci sono altri profili? Secondo questo elenco, ragionevolmente aggiornato, (essendo il sito ufficiale ancora “in lavorazione”) soltanto Facebook. Anche i vari siti di gossip (esempio) citano “Instagram e Facebook”) come fonte. Faceook non permette di conoscere immediatamente il numero delle foto; tuttavia, un rapido confronto permette di concludere che si tratta delle stesse foto su entrambi i social. Possiamo quindi limitarci ad Instagram.

Quante delle circa 2500 foto sono selfie?

Il grafico seguente, ottenuto con LibreOffice, mostra l’andamento della frazione di selfie all’aumentare delle foto considerate (‘numero di selfie nelle ultime <n> foto’/'<n>’)

selfies

Sembra chiara una convergenza verso un valore approssimativo di 0,4 selfie/foto.

Ma era così anche in passato? Per verificarlo ho ripetuto il conteggio dopo essere sceso di circa 300 foto

selfies2

Questa volta il comportamento è stato più erratico, pertanto ho preso più dati per sicurezza; tuttavia, sembra che l’ipotesi sia confermata.

In tal caso, di quelle 2400 foto, 1000 sono selfie.

Quanto pesano? La risposta a questa domanda è complicata dal fatto che Instagram non permette il download delle foto. Fortunatamente, Instagrabbr rimedia a questa mancanza. O avremmo potuto semplicemente scaricarle da Facebook.

Seguono i pesi di 8 selfie campione

selfiesW

La media delle differenze di dimensione è del 4%, con un massimo del 7%. Possiamo sospettare la presenza di un algoritmo di compressione simile ma non identico, sicché quello delle foto su Internet non sarebbe il “vero” peso. Tuttavia, di fatto stiamo considerando le foto pubbliche; e le differenze di peso tra le versioni dei due siti sono abbastanza piccole perché, per i nostri scopi, si possa assegnare “quel” peso a ciascuna immagine.

Utilizziamo lo stesso processo di prima, la medi di un numero crescente di elementi

selfiesW2

Come si vede, la media converge ad un valore che possiamo approssimare per eccesso a 75kB. Notiamo che questo peso è ottenuto per le ultime foto; tuttavia, dato che la risoluzione delle macchine fotografiche tende ad aumentare, è probabile che il valore complessivo sia al più inferiore (il che ci permetterebbe di stivare più foto).

Pertanto, il totale dei selfie pubblici di Belen peserebbe approssimativamente 75 kB * 1000 = 75 MB. Se il vostro computer è da 1 TB, può contenerli tutti oltre 13.000 volte. Non riesco onestamente ad immaginare chi potrebbe voler tenere più, diciamo, 12.000 copie di ogni selfie di Belen.

Ok, e qual è il caso peggiore invece? Belen ha 30 anni; supponiamo che abbia scoperto i selfie a 10 anni. Supponiamo che abbia dormito 8 ore al giorno. Questo lascia 20*365*16=116800 ore. Supponiamo che abbia scattato in media un selfie ogni singola ora di veglia dai 10 anni.

Quanto a risoluzione? Ci sono immagini abbastanza impressionanti là fuori; compresa una dell’intera Luna da 950 GB -può essere contenuta nell’hard disk; ma lo occupa da sola! Tuttavia, queste immagini-monstre sono sempre collage di immagini più piccole, cosa che non sembra realistica per un selfie; non sembra realistico in effetti neppure pensarla fare selfie con una fotocamera ultra-professionale ad altissima qualità. Dotiamola piuttosto della fotocamera a più alta risoluzione in circolazione su uno smartphone, che credo essere il Nokia Lumia 1020; le cui immagini possono arrivare a pesare 12 MB l’una.

In tale disastroso caso, otteniamo 1401600 MB, ovvero 1401,6 GB, ovvero 1 TB e 402 GB di foto. Comunque (anche considerando che il sistema operativo Windows 8.1 può prendere fino a 25GB di spazio di per sé) il piccolo Leon potrà in ogni caso riuscire a salvare tutte le sue foto preferite con l’aggiunta di un disco esterno da 500GB. Sono in vendita per circa 50$ su Amazon.

(Nota: sto usando lo standard di capacità che funziona a potenze di 10 anziché di 2; del resto è quello utilizzato dai produttori di dischi, e quindi quello utile per calcolare la quantità necessaria)

Pubblicato in informatica | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ok basta

Direi che è il momento di dichiarare una moratoria sui post riguardanti la religione. Finirò di leggere “An Abridged Koran”, che mi riserva certamente ancora parecchie sorprese e spunti, ma non posso essere monotematico.

Se vi interessa il tema, vi consiglio di leggerlo da voi ;) Lo trovate qui.

Tanto lo sappiamo tutti che la vera religione è una sola

410973_530674646964143_1809013909_o

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento